Qui da noi le prime nebbie prendono alle spalle (“zampine” di velluto) alla fine d’agosto. Così capisci che niente è dovuto, neppure il cielo sgombro, la luce dritta o un’idea chiara. E impari, sulla pelle, che le forme senza contorni netti sono più vicine e si prestano qualcosa.

Annunci