Ho già detto tante volte che credo nell’energia buona degli inizi e amo gli auguri perché sono un’inarcatura buona verso il domani.
Il mio augurio sta in una una poesia che amo.
Viene da L’orto dei semplici, di Elia Malagò, una piccola, preziosa raccolta di versi editata nel 2012 dalla Associazione Culturale “La Luna”.
Ho scelto questo testo perché sa di disgelo interiore e dice della proprietà lenitiva del dono, una carezza di malva che scioglie e ammorbidisce le resistenze del cuore.
A voi tutti questa carezza, per l’anno nuovo.

dono – malva

la mano dalla parte del cuore s’allunga
appena per un pudore così lontano da non avere istante
solo piccole lucciole in penombra tra il poco e
il niente

un alito di vento
a smottare impercettibile il cuore dell’ altro

(Elia Malagò)

Annunci